L’aforisma nei Paesi Baschi, Karlos Linazasoro

Karlos Linazasoro è nato a Tolosa bel 1962, dove è bibliotecario dal 1987, dopo aver completato gli studi di Filologia all’Università di Deusto. E’ un autore molto prolifico che ha coltivato vari generi (narrativa, poesia, haiku, letteratura per l’infanzia, teatro, aforisma). In ambito aforistico ha pubblicato tre libri in lingua basca: Isiltasunaren adabakiak (Pamiela, 2004), Beti eder dena (Erein, 2006) e Esan gabe doaz (Utriusque Vasconiae, 2009). In lingua spagnola ha pubblicato il libro di aforismi Lo que no está escrito (Eclipsados, 2010). L’aforisma di Karlos Linazasoro si connota per l’ironia e l’umorismo nero, caratteristica che si trova anche in alcuni suoi testi narrativi.

Karlos Linazasoro (Foto per gentile concessione dell'autore)

Karlos Linazasoro (Foto per gentile concessione dell’autore)

Presento al lettore italiano una breve selezione di aforismi di Karlos Linazasoro. Ringrazio Hasier Hagirre per avermi messo in contatto con l’autore.

Karlos Linazasoro, aforismi scelti 

Bidea aurkitzea da segurtasunez galtzeko erarik onena.

Trovare la strada è il miglior modo per perdersi con certezza.

**

Edalontzia gainezka egiten duen tanta ez da azkenekoa, aurrenekoa baizik.

La goccia che colma il vaso non è l’ultima, ma la prima.

**

Zabor artean aztarka bazabiltza, azkenean ispilu bat aurkituko duzu.

Se scavi molto dentro la carogna, alla fine incontri uno specchio.

**

Gizakia Darwinek bere lorategian zeukan tximinorik ergelenetik dator.

L’uomo discende dalla scimmia più stupida che aveva Darwin nel giardino di casa sua.

**

Bakoitzak bete gurutzea darama, egia, baina orain hain daude material arinak…

Ognuno porta la sua croce, vero, ma ora ci sono materiali così leggeri…

**

Batzuetan, nire arrazoigabekeriak arrazionalismo epistemologikorik bortitzenera bultzatzen nau.

A volte la mia irrazionalità mi porta al razionalismo epistemologico più feroce.

**

Hari batetik zintzilik bizi direnek barre egiten diete urkabilur batetik zintzilik hiltzen direnei.

Coloro che vivono appesi a un filo ridono di coloro che muoiono appesi a una corda.

**

Distira oro itzaltzen da, absentziarena izan ezik.

Ogni luce si estingue, tranne quella dell’assenza.

**

Pentsatzen eta esaten dudanaren artean, bi oztopo: esaten dudala pentsatzen dudana eta pentsatzen dudala esaten dudana.

Tra ciò che penso e ciò che dico, due ostacoli: ciò che penso che dico e ciò che dico che penso.

**

Batzuetan irtenbide bakarra gelditzen da: ate birakaria.

A volte resta solo una uscita: la porta girevole.

**

Jakintsuak pentsatzen du hobe dela gauza batzuk ez jakitea; ezjakinak, justu kontrakoa.

Il saggio pensa che ci sono cose che è meglio non sapere; l’ignorante, esattamente il contrario.

**

Laugarren egunean berpizten bazara, jada bat izorratu dizute.

Se resusciti al quarto giorno, ne hai già sprecato uno.

**

Beti dago zer hobetua gauzak okerrago egiteko.

Ci sono sempre margini di miglioramento per fare le cose peggio.

**

Nori ez litzaioke gustatuko naizen baino hobea izatea? Baina hain da zaila…

A chi non piacerebbe essere migliore di ciò che sono? Però è così difficile…

**

Gauza ondo eginak sortzen duen poza hain da handia, ezen egun berezietarako soilik gordetzen dugu.

La soddisfazione per il lavoro ben fatto è così grande che ce la teniamo solo per le occasioni speciali.

**

Bankariek beti hitz ttikiz hitz egiten dute.

I banchieri parlano sempre in caratteri microscopici.

**

Egunero hizkuntza bat hil eta akademiko bat jaiotzen da.

Ogni giorno muore una lingua e nasce un accademico.

**

Ate bat zazpi giltzarrapo irekiak dituena. Nor ausartzen da?

Una porta con sette catenacci aperti. Chi osa attraversarla?

**

Nire azken borondatea: lehena izatea berpiztuen zerrendan.

Le mie ultime volontà: essere il primo nella lista dei resuscitati.

**

Giza-kondizioak gehiago du bigarrenetik lehenengotik baino.

La condizione umana ha più condizionamenti che umanità.

**

Bide guztiek Erromara jotzen dute; galbide guztiek, Vaticanora.

Tutti i cammini conducono a Roma; tutti i cammini di perdizione, al Vaticano.

**

Galdu dut neukan fede apurra. Orain sinesduna naiz.

Ho perso la poca fede che mi restava. Adesso sono credente.

**

Aforismo on bat zerria bezalakoa da: den-dena aprobetxatzen da.

Un buon aforisma è come il maiale: si sfrutta per intero.

**

Nahiago dut amets erotiko bat, utopiko bat baino.

Preferisco un sogno erotico a uno utopico.

**

Kareta gaizki ipintzen dudanean nire benetako aurpegia ikusten da.

Quando mi metto la maschera sbagliata, si vede il mio vero volto.

**

Erdi bukatzear utzi zituzten obretatik, gizakia da gehien miresten dudana.

Di tutte le opere che sono state lasciate a metà, l’essere umano è quello che mi attrae di più.

**

Hatz bat eman, eta esku osoa hartu zidan: itotzen ari zen.

Gli diedi un dito e si prese la mano intera: stava affogando.

**

Asko eskatzea dela badakit, baina batzuetan naizena baino idiotagoa izatea gustatuko litzaidake.

Lo so che è un compito arduo, però a volte vorrei essere più idiota di quello che sono.

**

Nire lagunei autoestimu izugarria diet.

I miei amici li ho in grande autostima.

**

Originaltasuna gaizki kopiatzen dugun horretan datza.

L’originalità risiede nel fatto che copiamo male.

**

Literaturak gizaki denak humanizatzen ditu, idazlea izan ezik.

La letteratura umanizza tutto il mondo, salvo lo scrittore.

**

Gauzak erdizka uzten direnean, artista bat jaiotzen da.

Quando si lasciano le cose a metà, nasce un artista.

**

Mirariak Jaikoa bezalakoak dira: soilik zalantzan jartzen badira existitzen dira.

I miracoli sono come Dio: esistono solo se si mettono in dubbio. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in L'aforisma nei Paesi Baschi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’aforisma nei Paesi Baschi, Karlos Linazasoro

  1. Giuseppe Savarino ha detto:

    Interessante autore: piacevole nella lettura, profondo nei contenuti, vario nelle tematiche, ironico quanto basta, caustico. Insomma, un moderno Voltaire in formato aforistico.

  2. tizianatius ha detto:

    Li trovo stimolanti, a tratti dissacranti, una voce interessante, mi piace il punto di vista dal quale osserva -fuori-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...