L’aforisma in Messico, Raúl Aceves

Raúl Aceves, nato Guadalajara nel 1951, figura tra gli autori più importanti della sua generazione nell’ambito della letteratura jaliscense. Identificato primariamente come poeta, ha anche pubblicato racconti, saggi, traduzioni, dizionari e antologie (tra cui il Diccionario de bestias mágicas y seres sobrenaturales de América). Dal 1988 è professore presso il Dipartimento di Studi Letterari Literarios della Università di Guadalajara dove si è occupato di poesia messicana e di diversi autori del continente sudamericano tra cui il paraguayano Augusto Roa Bastos.

Raúl Aceves (Foto per gentile concessione dell'autore)

Nel libro El jardín infinito, un testo comprendente poesie, aforismi e racconti brevi, Raúl Aceves definisce le sue poesie come “discorsi filosofici o aforismi verticali” (discursos filosóficos” y “aforismos verticales”). E sempre a proposito delle sue poesie afferma: “Più che versi scrivo riversi” (nell’originale si coglie meglio il gioco di parole “Más que versos escribo anversos y reversos”) “che fanno vedere l’assurdità del mondo e obbligano a riflettere”.

Se alcune sue poesie possono definirsi aforistiche, gli aforismi scritti da Raúl Aceves sono al contrario poetici, pieni di metafore e immagini (“Invece che scrivere parole bisogna aprire spazi tra le parole” recita un’aforisma) e spesso sono disposti in versi. L’aforisma di Raúl Aceves è una istantanea luminosa in cui il potere sintetico della meditazione filosofica si congiunge con l’esperienza temporale e la saggezza con l’intuzione, attraverso un tono ironico che cerca di svelare l’apparenza delle cose (“Scrivere in forma discontinua/ è la migliore maniera di descrivere la vera realtà/ la quale sempre ci scappa”). Come altri autori (per esempio il francese Alain Bosquet), Raúl Aceves scrive anche molti aforismi sulla poesia.

Tra le raccolte aforistiche più importanti di Raúl Aceves cito Aforismos y desaforismos (Amaroma Ediciones, 1999, e poi ristampato in successive edizioni) e Tandariola: aforismos, diálocos y minificciones (Amaroma Ediciones, 2001). Ma i suoi aforismi compaiono anche in libri di poesia e narrativa. Nel 2010, presso la casa editrice La Zonámbula è uscito un libro di racconti Más acá del más allá che nella sezione finale contiene un “ficcionario” con diverse definizioni e aforismi.

Presento per la prima volta al lettore italiano una scelta di aforismi tratti da Aforismos y desaforismos. La traduzione è di Fabrizio Caramagna:

**

Raúl Aceves, Aforismos y desaforismos, aforismi scelti (Amaroma Ediciones, 1999)

Dios no escribe versos, escribe universos.

Dio non scrive versi, scrive universi.

**

Escribimos para olvidar, leemos para recordar.

Scriviamo per dimenticare, leggiamo per ricordare.

**

La escritura es un eco,
la lectura es un eco del eco.

La scrittura è un’eco,
la lettura è un’eco dell’eco.

**

La poesía habita misteriosamente en las palabras,
como el alma en el cuerpo.

La poesia abita misteriosamente nelle parole,
come l’anima dentro il corpo.

**

Yo estoy un paso delante de lo que soy,
los demás un paso atrás; enmedio está la realidad.

Io sono un passo avanti di quello che sono,
gli altri sono un passo indietro; in mezzo sta la realtà.

**

La nada es como una bolsa que lo contuviera todo,
excepto a sí misma.

Il nulla è come una borsa che contiene tutto,
eccetto se stessa.

**

Si no hay un yo, se nos presenta la realidad
en su desnudez original.

Se non c’è un io, la realtà si presenta
nella sua nudità originale.

**

Soy el abuelo del niño que fui.

Sono il nonno del bambino che fui.

**

Morir es seguir insistiendo,
donde ya no podemos seguir existiendo.

Morire è continuare a insistere,
dove non possiamo continuare a esistere.

**

El cerebro es el estómago de las ideas;
por eso en lugar de darle estreñimiento,
le da extrañamiento.

Il cervello è lo stomaco delle idee;
per questo invece di dare costipazione,
dà straniamento.

**

No hay mar que no quepa por la ventana.

Non c’è mare che non si adatti alla finestra.

**

El miedo es el fundamento de la civilización;
el placer es el fundamento de la cultura.

La paura è il fondamento della civiltà;
il piacere è il fondamento della cultura.

**

Más que escribir palabras
hay que abrir rendijas entre las palabras.

Invece che scrivere parole
bisogna aprire spazi tra le parole.

**

La poesía toca con manos de otro mundo
las cosas de este mundo.

La poesia tocca con mani dell’altro mondo
le cose di questo mondo.

**

Estar lejos de todo
al menos permite verlo como un todo.

Stare lontano da tutto
permette almeno di vederlo come un tutto.

**

El poema abre un lugar en el espacio,
una ventana sin casa.

La poesia si apre un luogo nello spazio,
una finestra senza casa.

**

Todas las leyes del mundo, la ética y la moral
se sintetizan en una palabra: respeto.

Tutte le leggi del mondo, l’etica e la morale
si riassumono in una parola: rispetto.

**

Las ideas se engendran como los niños,
hace falta que una idea madre
copule con una idea padre.

Le idee si generano come i bambini,
è solo necessario che un’idea madre
copuli con un’idea padre.

**

El intelecto sólo sirve para conocer el intelecto.

L’intelletto serve solo a conoscere l’intelletto.

**

Nuestro estado natural es el éxtasis,
lo artificial es el vértigo.

Il nostro stato naturale è l’estasi,
quello artificiale la vertigine.

**

Soy yo y no me parezco a nadie,
ni siquiera a mí mismo.

Sono io e non assomiglio a nessuno,
neppure a me stesso.

**

El vicio más difícil de curar
es el de los círculos viciosos.

Il vizio più difficile da curare
è quello dei circoli viziosi.

**

No es difícil que dos personas
tengan la misma idea;
lo difícil es que la digan con las mismas palabras.

Non è difficile che due persone
abbiano la medesima idea;
è difficile che la dicano con le medesime parole.

**

La mujer prefiere tener hijos que tener sueños,
pero se enamora terriblemente de los sueños
que otros dan a luz.

La donna preferisce avere dei figli invece che sogni,
però si innamora terribilmente dei sogni
che gli altri danno alla luce.

**

Todo lo que digan sobre mí es verdadero,
incluso lo que sea falso.

Tutto quello che dicono sopra di me è vero,
compreso il fatto che sia falso.

**

El beso une dos respiraciones vitales,
no dos bocas.

Il bacio unisce due respirazioni vitali,
non due bocche.

**

Hay una distancia que me separa de ti, insalvable;
pero existe un puente sobre el abismo,
en el que a veces nos encontramos.

C’è una distanza che mi separa da te, insormontabile;
ma c’è un ponte sopra l’abisso,
in cui ci troviamo a volte.

**

Desarrollarse significa solamente
quitarse lo que nos impide ser.
Es más cuestión de quitar, que de poner.

Svilupparsi significa solamente
togliere quello che ci impedisce di essere.
E’ più questione di togliere, che di mettere.

**

Hay obras de arte cuya genialidad consiste
en ser plagios geniales.

Ci sono opere d’arte la cui genialità consiste
nell’essere plagi geniali.

**

En arte es mayor el goce del proceso,
que el goce del producto.

In arte è maggiore il godimento del processo,
che il godimento del prodotto.

**

Los prólogos perfectos hacen innecesario
leer el resto del libro.

Le prefazioni perfette rendono superfluo
leggere il resto del libro.

**

Hacer el amor imaginariamente produce hijos imaginarios
que de todos modos hay que mantener.

Fare l’amore in modo immaginario produce figli immaginari
che comunque bisogna mantenere.

**

Buscamos desesperadamente los paraísos
para convertirlos en infiernos.

Cerchiamo disperatamente dei paradisi
per convertirli in inferni.

**

La metáfora es el puente que une lo visible con lo
invisible: el poeta es un constructor de puentes.

La metafora è il ponte che unisce il visibile con
l’invisibile: il poeta è un costruttore di ponti.

**

Doble opción: o somos creadores o somos redentores.

Doppia opzione: o siamo creatori o siamo redentori.

**

Si fuera arquitecto construiría nidos.

Se fossi architetto costruirei nidi.

**

Para acabar con el dolor no basta acabar
con el doliente, pues hay dolor en el aire
que ningún viento esparce.

Per porre fine al dolore non è sufficiente porre fine
al punto dolente, perché vi è un dolore nell’aria
che nessun vento disperde.

**

Las arrugas hacen que el rostro del anciano
se parezca al rostro de la tierra.

Le rughe fanno sì che la faccia del vecchio
assomigli alla faccia della terra.

**

La noche duerme tranquila: ha sobrevivido al día.

La notte dorme tranquilla: è sopravvissuta al giorno.

**

El tiempo tiene hondonadas, desiertos, grietas,
elevaciones, abismos..
Sería necesario escribir una geografía del tiempo.

Il tempo ha cavità, deserti, crepe,
elevazioni, abissi…
Bisognerebbe scrivere una geografia del tempo.

**

La turbulencia está en el centro de la calma,
así como la calma está en el ojo del huracán.

La turbolenza sta al centro della calma,
così come la calma sta al centro dell’uragano.

**

Objetivo:
lograr que la ventana sea mayor que la pared.

Obiettivo:
assicurarsi che la finestra sia maggiore della parete.

**

Humildad de las cosas: observa cómo se quedan
quietas allí donde las pongas, modestas,
silenciosas, obedientes ..

L’umiltà delle cose: osserva come si dispongono
tranquille là dove le posi, modeste,
silenziose, obbedienti …

**

La puerta es lo único
que no puede entrar ni salir.

La porta è l’unico
che non può entrare né uscire.

**

La soledad de la multitud es la más solitaria.

La solitudine della moltitudine è la più solitaria.

**

Un barril lleno de nada pesa más.
que un barril vacío de todo.

Un barile pieno di niente pesa più
che barile del tutto vuoto.

**

Repetir los mismos errores es muy aburrido;
al menos hay que ensayar nuevos errores.

Ripetere gli stessi errori è molto noioso;
almeno si provassero nuovi errori.

**

Si sigues buscando lo que nunca encuentras,
jamás encontrarás lo que nunca buscas.

Se stai cercando quello che non trovi,
giammai troverai quello che non stai cercando.

**

No veniste a cumplir, tan sólo veniste a ver
lo que hubieras perdido si no hubieras venido.

Non sei venuto per cortesia, sei venuto solo per vedere
quello che avresti perso se non fossi venuto.

**

Cuando reencarnamos nos dan ropa nueva
para el alma usada.

Quando ci reincarniamo ci danno una veste nuova
per un’anima usata.

**

La ignorancia no sabe qué es lo que ignora,
la sabiduría sí.

L’ignoranza non sa quello che ignora,
la sapienza sì.

**

En ocasiones,
no tenemos más remedio que la enfermedad.

In certe occasioni,
non abbiamo altro rimedio che la malattia.

**

El milagro ocurre cuando él quiere,
no cuando uno quiere.

Il miracolo avviene quando vuole,
non quando si vuole.

**

En un mundo que no contenga otros mundos,
no vale la pena vivir.

In un mondo che non contenga altri mondi,
non vale la pena vivere.

**

Los escalones no tienen responsabilidad
de llegar a ninguna parte.

Gli scalini non hanno responsabilità
per il fatto di non portare da nessuna parte.

**

El poder que la luna tiene sobre las mareas,
es el mismo que la adrenalina
tiene sobre las emociones: adrenaluna.

Il potere che la luna ha sopra le maree
è lo stesso che l’adrenalina
ha sopra le emozioni: adrenaluna.

**

La tentación de la vida es dudar de su realidad.
La tentación del sueño es dudar de su irrealidad.

La tentazione della vita è dubitare della sua realtà.
La tentazione del sogno è dubitare della sua irrealtà.

**

Dios cuando habla crea lo que dice;
por eso cuida muy bien sus palabras.

Dio quando parla crea quello che dice;
per questo valuta molto bene le sue parole.

**

El propósito de la exploración es tocar fondo,
tocar altura, tocar límites, tocar …
para ver si nos abren la puerta.

L’obiettivo dell’esplorazione è toccare il fondo,
toccare la cima, toccare i limiti, toccare…
per vedere se ci aprono la porta.

**

La gran voz habla en voz baja.

La voce grande parla a voce bassa.

**

La columna que sostiene el techo del mundo
puede ser una montaña, un árbol, un atlante,
o el hilo vertical de una araña.

La colonna che sostiene il tetto del mondo
potrebbe essere una montagna, un albero, un atlante,
o il filo verticale di una ragnatela.

**

Nada y Todo son el mismo nombre;
en realidad, ausencia de nombre.

Nulla e Tutto sono lo stesso numero;
in realtà, assenza di numero.

**

Cristo, más que un monumento a la muerte
sacrificado en el árbol de la cruz,
es un fruto inmortal del Árbol de la Vida.

Cristo, più che un monumento alla morte
sacrificato sull’albero della croce,
è un frutto immortale dell’Albero della Vita.

**

Duele más lo que todavía no se ha encontrado,
que lo que ya se perdió.

Duole più ciò che non è mai stato incontrato,
che ciò che fu perduto.

**

Las palabras también tienen cáscara y fruto.

Anche le parole hanno buccia e frutto.

**

La vida se vive tal vez menos de una vez.

La vita si vive talvolta meno di una volta.

**

Al creador sólo otro creador
puede hacerle compañía.

Al creatore solo un altro creatore
può fare compagnia.

**

Nosotros, los muertos del futuro,
sentimos ya nostalgia de nuestra propia vida.

Noi altri, i morti del futuro,
sentiamo già nostalgia della nostra vita.

**

Las coincidencias se producen ahí donde
los engranajes del destino se corresponden.

Le coincidenze si producono là dove
gli ingranaggi del destino corrispondono.

**

Igual que un cuerpo cuelga dentro de la hamaca,
así el espacio cuelga dentro del tiempo.

Come un corpo che si culla dentro l’amaca,
così lo spazio si culla dentro il tempo.

**

La última gota del vaso es la más consciente
de su individualidad.

L’ultima goccia del vaso è la più cosciente
della sua individualità.

**

Todo existe gracias a este par de caminantes:
sol y tiempo.

Tutto esiste grazie a questo paio di camminatori:
il sole e il tempo.

**

Morir dura toda la vida,
vivir dura tan sólo cada momento.

Morire dura tutta la vita,
vivere dura soltanto un momento.

**

La pared que nos impide pasar, puede ser también
la ventana que nos permite ver.

Il muro che ci impedisce di passare, può anche essere
la finestra che ci permette di vedere.

**

Vivimos en un siglo que más que producir cantos,
produjo desencantos.

Viviamo in un secolo che più che produrre canti,
produce disincanti.

**

Una mano sueña lo que la otra escribe;
un ojo ve lo que el otro ignora.

Una mano sogna quello che l’altra scrive;
un occhio vede quello che l’altro ignora.

**

Si Dios no existiera, el ser que fuera capaz
de certificar tal inexistencia sería como Dios.

Se Dio non esistesse, quell’essere che fosse capace
di certificare tale inesistenza sarebbe come un Dio.

**

Las llaves del Universo
no abren la última realidad.

Le chiavi dell’Universo
non aprono la realtà ultima.

**

Si el cuerpo es una imagen,
el espíritu es un holograma.

Se il corpo è un’immagine,
lo spirito è un ologramma.

**

La realidad tiene la superficie porosa:
transpira sueños líquidos.

La realtà ha una la superficie porosa:
traspira sogni liquidi.

**

El pensamiento procede por saltos, asociaciones,
bifurcaciones prcgresivas; por eso tiene forma de árbol.

Il pensiero procede per salti, associazioni,
biforcazioni progressive; per questo ha la forma di un albero.

**

Las personas saben más de lo que piensan,
piensan más de lo que dicen y dicen más de lo que saben.

Le persone sanno più di quello che pensano,
pensano più di quello che dicono e dicono più di quello che sanno.

**

Todas las mujeres se llaman “María”
porque todas nacieron del mar.

Tutte le donne si chiamano “Maria”
perché tutte nacquero dal mare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in L'aforisma in Messico e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’aforisma in Messico, Raúl Aceves

  1. M: ha detto:

    il piacere è il fondamento della cultura. – confortante!

    alcune scritture (come questa) mi fanno dubitare se l’aforisma per certi versi non sia l’analogo nostrano dell’haiku (con la vermaente minima differenza che al posto del paesaggio naturale si trovi il paesaggio dell’intelletto)

  2. fabriziocaramagna ha detto:

    E’ vero. Nell’haiku si trova il paesaggio naturale, spesso espresso nel variare delle stagioni. Nell’aforisma (quello poetico intendo) si trova il paesaggio dell’intelletto e dell’anima. Siccome anch’io scrivo aforismi poetici (visivi, potrei dire), questa è una riflessione che accolgo in pieno.

  3. CarlosSaavedra Weise ha detto:

    Me parece perfecto, el Haiku el fluir de la vida, y en el aforismo después del fluir de las ideas surge una síntesis de la razón del escritor.

    Carlos Saavedra Weise.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...