L’aforisma in Slovenia, Franci Čeč

Nel genere aforistico in Slovenia la figura di riferimento è Žarko Petan che – per la qualità e l’importanza della sua opera – ha un ruolo simile a quello assunto da Stanislaw Jerzy Lec in Polonia. Nato nel 1929 a Lubiana, Žarko Petan ha pubblicato negli anni ottanta e negli anni novanta diversi volumi di aforismi in lingua slovena e tedesca ottenendo un grande successo grazie alla sua straordinaria capacità di rappresentazione satirica delle condizioni del socialismo jugoslavo e della condizione dell’uomo nella società totalitaria (per l’approfondimento dell’autore si veda il mio articolo).

Intorno a Žarko Petan è cresciuta una generazione di aforisti sloveni che hanno scritto delle sillogi aforistiche di rilievo. Nel 2010 è stata costituita la Associazione Aforistica Slovena (Društvo aforistov Slovenije) il cui scopo è quello di aumentare l’attenzione nei confronti di questo genere, promuovendo l’aforisma attraverso diverse iniziative ed eventi. Il presidente dell’assocazione è Franci Čeč ed una delle prime iniziative è stata la pubblicazione in lingua slovena dell’antologia dell’aforisma serbo (Antologiju srpskog aforizma) con prefazione di Žarko Petan .

Proprio Franci Čeč, che è anche uno scrittore di aforismi (è nato nella città di Celje), mi ha fatto avere una sua selezione di aforismi che pubblico qui di seguito. Il suo primo libro aforistico La quinta stagione è uscito nel 1994 ed è stato tradotto in inglese. Nel 2010 è uscito un suo nuovo libro dal titolo Aforismi sul vino (Aforizmi o vinu). I suoi aforismi sono apparsi in diverse riviste e giornali, radio e televisione. Ha in preparazione una antologia dell’aforisma sloveno.

Franci Čeč (foto per gentile concessione dell'autore)

Ringrazio Alice Zuzek, traduttrice dallo sloveno, per avermi aiutato nella traduzione di alcuni aforismi di Franci Čeč:

**

Svetla prihodnost je kot fatamorgana. Ko smo se ji že skoraj približali, je že izginila.

Il brillante futuro è come un miraggio. Quando ci si avvicina, è già quasi scomparso.

**

Demokracija mora biti zaščitena. Če je potrebno, tudi s totalitarizmom.

La democrazia deve essere protetta. Se necessario anche con il totalitarismo.

**

Slovenci poznamo pet letnih časov: pomlad, poletje, jesen, zimo in prehodno obdobje.

Gli Sloveni hanno cinque stagioni: periodi primavera, estate, autunno, inverno e il periodo di transizione.

**

Imamo dve vrsti državljanov: drugorazredne državljane in tiste z dvojnim državljanstvom.

Ci sono due tipi di cittadini: i cittadini di seconda classe e quelli con doppia cittadinanza.

**

Kolektivna pogajanja so vse bolj v rokah posameznikov.

La contrattazione collettiva è sempre più nelle mani degli individui.

**

Ko srce zaigra, je konec biznisa.

Un sussulto del cuore, e l’affare salta.

**

Dobre kleti in dobra oblast sta vedno pod zemljo.

Le buone cantine e le buone autorità stanno entrambe sottoterra.

**

Puščave se vse bolj širijo. Še nam bodo metali pesek v oči.

I deserti si diffondono sempre di più. Stiamo gettando sabbia negli occhi.

**

Na prvih volitvah smo volili z majhnimi kamenčki, na zadnjih z glasovnicami, zdaj je končno napočil čas, da volimo z glavo.

Nelle prime elezioni abbiamo votato con pietre di piccole dimensioni, nelle ultime con le schede e adesso è finalmente venuto il momento di votare con la testa.

**

Stagniramo, a v naprednem duhu.

Siamo nella stagnazione, ma con spirito progressista.

**

Denar je kot rokavica: ogreje nas, ne glede , na katero stran je obrnjen.

Il denaro è come un guanto: ci riscalda indipendentemente da che parte sia girato.

**

Eni so šli s trebuhom za kruhom, medtem pa so drugi z jezikom prišli do bogastva.

Lo stomaco porta al pane, la lingua alla ricchezza.

**

Celo Bog ne vidi rad, da ljudje opravljajo svoje dolžnosti križem rok.

Anche a Dio non fa piacere vedere che le persone assolvono i propri doveri con le braccia incrociate.

**

Od vseh kart imam najraje vinsko.

Di tutte le carte quella che che preferisco è la carta dei vini.

**

Pri vstopanju v Evropo smo delali polovične korake, plačujemo pa polno ceno.

Siamo entrati in Europa dall’ingresso secondario pagando il prezzo pieno.

**

Postali smo kapitalisti. Plače pa niso niti socialistične.

Siamo diventati capitalisti con paghe che non sono nemmeno socialiste.

**

Če vam je kraja državne lastnine drugi vir dohodka, potem prvega sploh ne potrebujete.

Se come secondo lavoro vi occupate di furto di beni pubblici, allora quello principale non vi serve affatto.

**

Vse več je naparfumiranih. Da se ne vidi, od kje prihaja smrad.

Ci sono persone sempre più profumate. Che confondono la provenienza della puzza.

**

Življenje je čebula, ki jo olupimo, da potem lahko jokamo.

La vita è come la cipolla che si sbuccia e poi fa piangere.

**

Ni tako revne države, da kriminalci ne bi mogli preživeti.

Non ci sono paesi così poveri che un criminale non possa camparci.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in L'aforisma in Slovenia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...