L’aforisma in Bolivia, Carlos Saavedra Weise

Vivo su una collina che domina la foresta di Ámboro. Vista dalla città, probabilmente è la più biodiversificata del pianeta, l’unica dove esiste ancora un bosco con felci del periodo giurassico” così mi scrive Carlos Saavedra Weise dalla città di Santa Cruz, in Bolivia.

Carlos Saavedra Weise (Foto per gentile concessione dell'autore)

Carlos Saavedra Weise è uno dei importanti aforisti del suo paese. Nato nel 1945 a Santa Cruz, chirurgo maxilo-facciale (è stato anche console onorario della Repubblica della Corea del Sud), ha al suo attivo diverse pubblicazioni di aforismi, poesie, haiku e narrativa. Come aforista ha pubblicato: Alpha (1991), Así son las cosas (1992, apparso poi in inglese con il titolo di That’s the Way it is nel 1998), Chronos (1992), Preguntas insonoras (1997), Metaforismos y líneas (1998), Abstracciones (1999), Epitafio nocturno (2000), Cuaderno firmado (2002), Caminante (2006) e Gota a gota (2008). Insieme a Luis Andrade Sanjinés, Carlos Saavedra Weise ha anche pubblicato nel 2008 un Breve manuale dell’aforista nella cui introduzione scrive: “L’aforisma è una forma letteraria poco coltivata in lingua spagnola, specialmente in Sud America, sia perché non esistono le condizioni socioculturali per una espressione colta e matura, sia perché questa forma di espressione richiede non solo maturità intellettuale ed esperienza di vita, ma anche un vasto bagaglio di conoscenze, letture ed uso della lingua da parte dell’aforista. In entrambi i casi l’intento è quello di risvegliare in alcuni scrittori, e perché no, anche nei lettori, l’interesse per questa forma, propria della letteratura gnomica e sapienziale, la cui virtù didattica svolge una funzione molto importante in paesi come il nostro dove la grande maggioranza sociale non legge o legge poco; ed è qui che l’aforisma ha un obiettivo fondamentale: condurre alla riflessione, insegnarci a pensare”.

In Carlos Saavedra Weise sono presenti il filosofo e il poeta, in una congiunzione tra l’arte di pensare e la qualità di esporre le cose in modo metaforico ed evocativo. Il suo aforisma è essenziale, breve, raramente superiore a una riga. Come scrive lui stesso “Un aforisma è simile a quello che ci aspettiamo dalla vita: brevità e eternità”.

Presento per la prima volta al lettore italiano una selezione di aforismi di Carlos Saavedra Weise:

**

Carlos Saavedra Weise, aforismi scelti

La muerte acompaña al hombre durante toda su vida sin conseguir su amistad.

La morte accompagna l’uomo tutta la vita senza mai ottenere la sua amicizia.

**

Un día es tiempo suficiente para que un hombre ascienda al cielo y se queme en el infierno.

Un giorno è il tempo sufficiente perché un uomo ascenda in cielo e bruci all’inferno.

**

El mal ignora al bien, mientras que este necesita desesperadamente del mal para ser lo que es.

Il male ignora il bene, mentre questo ha disperatamente bisogno del male per essere quello che è.

**

El hombre se comporta como un topo maldito: horada la tierra y con sus heces embadurna el firmamento.

L’uomo si comporta come una talpa maledetta: scava nella terra e con le sua feci insozza il firmamento.

**

Tanto el amor como el viento no conocen su destino.

Tanto l’amore come il vento non conoscono il loro destino.

**

Más que el color de la piel de un hombre, nos debe importar la transparencia de su alma.

Più che il colore della pelle di un uomo, ci deve importare la trasparenza della sua anima.

**

Como el refrescar de la piel con la brisa, es la sonrisa de un hijo.

Come il rinfrescarsi della pelle nella brezza, è il sorriso di un bambino.

**

El payaso comprende más que nadie las sonrisas fingidas.

Il clown comprende meglio di chiunque altro i sorrisi falsi.

**

La beodez tiene cara de ángel, corazón de poeta y cuerpo de cerdo.

L’ubriachezza ha il volto di un angelo, il cuore di un poeta e il corpo di un maiale.

**

El aforismo cincela el idioma y condensa el alma.

L’aforisma scolpisce la lingua e condensa l’anima.

**

La calma de la mar sin viento se esconde en el corazón cansado.

La calma del mare senza vento si nasconde nel cuore stanco.

**

No sé cuál grito es más desgarrador, si el del viento entre los sauces o el del hombre por un amor perdido.

Non so qual grido è il più straziante, se il vento nei salici o l’uomo che ha perso l’amore.

**

Por el ojo del tiempo han transitado muchos universos.

Nell’occhio del tempo sono transitati molti universi.

**

La vejez no tiene color, sólo dignidad.

La vecchiaia non ha colori, solo dignità.

**

Cuando sueña, el hombre es un gigante devorando estrellas.

Quando sogna, l’uomo è un gigante che divora le stelle.

**

Duerme mi ángel de la guarda, mientras yo vivo mi pesadilla.

Dorme il mio angelo custode, mentre io vivo il mio incubo.

**

El arte: ave fénix emergiendo de un holocausto

L’arte: una fenice che rinasce da un olocausto.

**

¡Cómo la luna no va a levantar el corazón de un poeta, si consigue elevar la mar!

Come fa la luna a non elevare il cuore di un poeta, se riesce a innalzare il mare!

**

No midas la vida con un calendario, sino con tus obras.

Non misurare la vita con un calendario, ma con le tue opere.

**

Hay dolores que no permiten llorar.

Ci sono dolori che non consentono di piangere.

**

Sufro por mi sensibilidad, pero más sufriría por no tenerla.

Soffro per la mia sensibilità, ma soffrirei di più se non ne avessi una.

**

Los dioses han hecho al hombre imperfecto para gozar su vanidad de ser dioses.

Gli dei hanno fatto l’uomo imperfetto per godersi la vanità di essere dei.

**

El hombre es como un títere cuyos hilos cuelgan de las estrellas

L’uomo è come una marionetta i cui fili sono appesi alle stelle.

**

Todo es infinito menos la vida.

Tutto è infinito meno la vita.

**

La telaraña tejida por Dios y su legión de ángeles, atrapa por igual a justos e impíos.

La ragnatela tessuta da Dio e dalla sua legione di angeli, intrappola ugualmente i giusti e gli empi.

**

El universo es el cofre en el cual los dioses guardan sus tesoros.

L’universo è il forziere in cui gli dei tengono i loro tesori.

**

Algunos libros, cargan entre sus páginas algo de divinidad. Como tal, se niegan a perecer.

Alcuni libri, portano dentro le proprie pagine qualcosa della divinità. In quanto tali, si rifiutano di morire.

**

La poesía es una diosa mística vestida de harapos que se esconde en el corazón de un hombre.

La poesia è una bellissima dea vestita di stracci che si nasconde nel cuore dell’uomo.

**

El tiempo ha iniciado un juego que ni Dios puede detener.

Il tempo ha iniziato un gioco che nemmeno Dio può fermare.

**

Cuantas quimeras hilvana el hombre, para que el azar en un instante las corte con su tijera.

Quante chimere intreccia l’uomo che il caso in un istante non taglia con le sue forbici.

**

Cuántos sepulcros de mármol esconden vidas de barro.

Quanti sepolcri di marmo nascondono vite di fango.

**

Nunca se puede encadenar la oreja de un esclavo.

Non si potrà mai incatenare l’orecchio di uno schiavo.

**

La experiencia vital del hombre sabio simula la resina de añosos árboles, parece oro saliendo de la corteza, cuando el sol la ilumina.

L’esperienza di vita dell’uomo saggio simula la resina degli alberi antichi, ed è simile all’oro della corteccia, quando il sole la illumina.

**

Los libros son peldaños de la escalera por la cual se asciende al conocimiento.

I libri sono i pioli della scala con la quale si ascende alla conoscenza.

**

Las leyes de Dios son más simples que las del hombre.

Le leggi di Dio sono più semplici di quelle degli uomini.

**

En el Imperio romano los ladrones eran colocados en una cruz. En nuestra república suelen llevar cruces de oro colgadas del cuello.

Durante l’Impero romano i ladri venivano messi in croce. Nella nostra repubblica spesso portano croci d’oro al collo.

**

Al burro, aunque se le corten las orejas y se le ponga una cola de zorro, continuará rebuznando.

L’asino, anche se gli tagliano le orecchie e gli mettono una coda di volpe, continua a ragliare.

**

Muchos hombres prefieren ser inmorales a ser inmortales.

Molti uomini preferiscono l’essere immorali all’essere immortali.

**

Si la luna tuviera bellas piernas, seria una amante perfecta.

Se la luna avesse belle gambe, sarebbe l’amante perfetta.

**

El encuentro consigo mismo, es la más alta cumbre a la que asciende el hombre.

L’incontro con se stesso è la cima più alta a cui ascende l’uomo.

**

La conciencia puede devorar al cuerpo que la contiene.

La coscienza può divorare il corpo che la contiene.

**

El poderoso es como los cíclopes, ve con un solo ojo.

Il potere è come i ciclopi, vede con un occhio solo.

**

El pájaro enjaulado no canta: llora.

L’uccello in gabbia non canta: piange.

**

Todos los niños son felices con pequeñas cosas; todos los grandes, infelices con pequeñas cosas.

Tutti i bambini sono felici con piccole cose; tutti i grandi, infelici con piccole cose.

**

La última ironía de la vida es la muerte.

L’ultima ironia della vita è la morte.

**

La telaraña tejida por el tiempo es una trampa infinita.

La ragnatela tessuta dal tempo è una trappola infinita.
 
**
 
En el primoroso dibujo de las alas de la mariposa, se esconde la matemática de Dios.

Nel magnifico disegno delle ali della farfalla, si nasconde la matematica di Dio.
 
**
 
Muchos cuidan su riqueza, más que el diablo las llamas del infierno.

Molti curano la loro ricchezza, più che il diavolo le fiamme dell’inferno.
 
**
 
Sólo el sexo tiene quejidos agradables.

Solo il sesso ha dei lamenti piacevoli.

**

Piénsalo: ¿qué es mejor ser, aroma, polen o flor?

Pensateci: cosa è meglio essere, il profumo, il polline o il fiore?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in L'aforisma in Bolivia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’aforisma in Bolivia, Carlos Saavedra Weise

  1. carmen ha detto:

    pienso que
    ser aroma un beso

  2. Anonimo ha detto:

    Más que el color de la piel de un hombre, nos debe importar la transparencia de su alma.

    Più che il colore della pelle di un uomo, ci deve importare la trasparenza della sua anima.
    Por el ojo del tiempo han transitado muchos universos.

    Nell’occhio del tempo sono transitati molti universi.
    Piénsalo: ¿qué es mejor ser, aroma, polen o flor?

    Pensateci: cosa è meglio essere, il profumo, il polline o il fiore?

    Da para pensar y reflexionar en una tarde de silenciosos aromas en florm derramando el polén de la vida; entetejiendo en nuestra mente la súplica de la existencia rejuvenecida, GRACIAS DE ESPIRITU A ESPÍRITU. HONRO SU DESTINO..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...