Simon May, Thinking Aloud – A collection of aphorisms

Simon May è professore di Filosofia al King’s College, presso l’Università di Londra e autore di diversi saggi di cui uno dedicato al filosofo Nietzsche dal titolo  Nietzsche’s Ethics and his War on ‘Morality’. In campo aforistico ha scritto Thinking Aloud: A Collection of Aphorisms. Quest’ultimo libro, pubblicato nel 1999, e poi ristampato e ampliato nel 2009 ha valso a Simon May il “Book of the year” del Financial Times (fatto inconsueto per un genere marginale come quello aforistico).

Simon May (Foto per gentile concessione dell'autore)

Simon May ha elaborato molte riflessioni sull’aforisma. Secondo Simon May “gli aforismi sono semplicemente idee condensate, a volte descrittive, (mostrano come sono le cose), a volte prescrittive (mostrano le cose come dovrebbero essere), a volte sotto forma di domande alle quali suggeriscono, senza realmente fornire, delle risposte”. Nonostante gli aforismi possano sembrare “fastidiosamente elusivi, allusivi, inconcludenti”, hanno la particolare capacità di riflettere “l’inevitabile incompletezza delle nostre pretese di verità” e di “lanciare più messaggi di quanti se ne possa cogliere in un brano in prosa”.

In un incontro sull’aforisma organizzato da “Institute of Philosophy of the University of London” nel 2008, Simon May (che è stato uno dei co-organizzatori), scrive anche che l’aforisma risponde al nostro “bisogno di redenzione dal dubbio (“our need for redemption from doubt”) e che l’aforisma è stato l’arma principale nel bisogno peculiare dell’Occidente di distruggere tutte le ideologie e sistemi di pensiero cosiddetti ‘totalizzanti’ (the aphorisms have been a principal weapon in the West’s peculiar urge to destroy all so-called ‘totalizing’ ideologies and systems of thought”).

Presento al lettore italiano una scelta di aforismi tratto da Thinking Aloud (fatto davvero inconsueto per il nostro panorama editoriale ossessivamente focalizzato sulla narrativa, una parte degli aforismi di Thinking Aloud è stata tradotta in italiano presso la Sonzogno editore con il titolo La filosofia in tasca). Il libro è suddiviso in 27 capitoli aventi come oggetto temi come l’amore, le relazioni, il tempo, l’orgoglio, la gioia, la sofferenza, la libertà, la conoscenza, etc, (“sebbene l’ordine casuale sia in molti casi molto più divertente rispetto alla formalità della guida per argomenti, io ho scelto quest’ultima per una comodità di ricerca e per mantenere i collegamenti espliciti e non, tra le differenti riflessioni sulla stesso tema” scrive l’autore). L’aforisma di Thinking Aloud è condensato (raramente supera una riga), moralistico senza essere moralizzante, filosofico, paradossale, in un sapiente equilibrio tra il modello dell’aforisma classico (che da Ippocrate e Eraclito, passando per La Rochefoucauld e Balthasar Gracián, arriva fino ai nostri giorni) e la folgorazione del frammento moderno (Nietzsche in primis).

**

The better one knows someone, the harder it is to recognize them.

Meglio si conosce qualcuno, più è difficile riconoscerlo.

**

How marvellous to be seen; how perilous to be dreamt of.

Come è meraviglioso essere notati; come è pericoloso essere sognati.

**

To feel equal to others is almost always harder than to feel inferior or superior.

Sentirsi uguali agli altri è quasi sempre più difficile che sentirsi inferiori o superiori.

**

Almost everything can be tolerated–as long as we do not know what we want.

Quasi tutto può essere tollerato, finché non sappiamo quello che vogliamo.

**

The terrible danger in the present age is to treat everything – and everyone – experimentally.

Il terribile pericolo nell’età presente è trattare ogni cosa – e ogni persona – sperimentalmente.

**

The proud rely on their own self-esteem; the vain solicit it from others.

L’orgoglio confida nella propria auto-stima; la vanità la sollecita dagli altri.

**

Loves makes much possible, but little attainable.

L’amore rende molte cose possibili, ma poche conquistabili.

**

A little suffering creates a cynic, some more a pessimist, yet more a stoic; and enough an optimist.

Una piccola sofferenza crea un cinico, un po’ di più un pessimista, ancora di più uno stoico; troppa un ottimista.

**

Ingratitude is how we tolerate the burden of other’s kindness.

L’ingratudine è il modo in cui noi tolleriamo il fardello dell’altrui gentilezza.

**

It is hard to succeed in the world without the skill to claim credit where it is not due.

E’ arduo avere successo nel mondo senza la capacità di rivendicare dei meriti che non sono dovuti.

**

The eyes, far from being a window to the soul, can dissemble greatly; the mouth less so; the hands least of all.

Gli occhi, lontano da essere una finestra sull’anima, possono fingere magnificamente; la bocca di meno; le mani per niente.

**

A real listener hears you even when you keep quiet.

Un vero ascoltatore ti ascolta anche quando tu stai zitto.

**

To know much is easy; to digest much is hard.

Conoscere molto è facile; assimilare molto è difficile.

**

We can deeply love what we do not know, but we cannot deeply know what we do not love.

Possiamo amare profondamente ciò che non conosciamo, ma non possiamo conoscere profondamente ciò che non amiamo.

**

Irony is a marvellous spice of life, but a paralysing way of life.

L’ironia è una spezia meravigliosa della vita, ma un modo paralizzante di vivere.

**

Modesty shields us from others, humility from ourselves.

La modestia ci ripara dagli altri, l’umiltà da noi stessi.

**

Indecisiveness is among the most principled of all passions.

L’indecisione è la principale di tutte le passioni.

**

The true cynic expects nothing more from life that confirmation of his disappointments.

Il vero cinico non aspetta altro dalla vita che la conferma delle sue delusioni.

**

Who wants a god that is satisfied with humanity?

Chi vuole un dio che sia soddisfatto dell’umanità?

**

Chance, like a lover, is one of those awkward things of which we must be simultaneously slave and master.

Il caso, come un amante, è una di quelle cose scomode di cui siamo contemporaneamente schiavi e padroni.

**

Humility as total listening; faith as total hearing

L’umiltà come un ascoltare totale. La fede come un sentire totale.

**

Action is seldom as reasonable as inertia.

L’azione di rado è così ragionevole come l’inerzia.

**

The yearning for truth, being a form of love, can foster terrible delusion.

La brama di verità, essendo una forma di amore, può portare a terribili delusioni.

**

One’s supreme values always seem absolute – even when one repudiates the absolute.

I propri valori supremi sembrano sempre assoluti – anche quando si ripudia l’assoluto.

**

Man loves the ethical only as his ultimate guarantor of order.

L’uomo ama l’etica solo come il suo estremo garante dell’ordine.

**

The world is increasingly greedy for its liberation and increasingly numbed by its liberty.

Il mondo è sempre più avido della sua liberazione e sempre più intorpidito dalla sua libertà.

**

Power corrupts, but powerlessness corrupts absolutely.

Il potere corrompe, ma la mancanza di potere corrompe assolutamente.

**

Values are cannibalistic. The idea that they tolerate “pluralism” is ridiculous.

I valori sono cannibali. L’idea che essi possano tollerare il “pluralismo” è ridicola.

**

Joy, especially when prolonged, can be more unsettling than despair.

La gioia, specialmente quando prolungata, può essere più sconvolgente che la disperazione.

**

The paradox of permissiveness: more individualism, less individuality.

Il paradosso del permissivismo: più individualismo, meno individualità.

**

Many can master a moment; few can master a transition.

Molti possono padroneggiare un momento; pochi possono padroneggiare una transizione.

Nota biografica
Simon May, (1956)  è Professore di Filosofia al King’s College, presso l’Università di Londra. Le sue pubblicazioni includono: Love: A History (Yale University Press, 2011),  Thinkin aloud. A collection of aphorisms (Alma Books, 2009), Atomic Sushi: Notes from the Heart of Japan (Alma Books, 2006), Nietzsche’s Ethics and his War on ‘Morality’ (Oxford University Press, 2002), e altri lavori di filosofia. Una selezione di suoi aforismi è comparsa in Geary’s Guide to the World’s Great Aphorists (Bloomsbury, 2007). I suoi lavori sono stati tradotti in tedesco, giapponese, spagnolo e italiano.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in L'aforisma in Inghilterra e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Simon May, Thinking Aloud – A collection of aphorisms

  1. serrurier paris ha detto:

    Today, I went to the beach front with my kids. I found a sea shell and gave it
    to my 4 year old daughter and said “You can hear the ocean if you put this to your ear.” She
    put the shell to her ear and screamed. There was a hermit crab inside
    and it pinched her ear. She never wants to go back!

    LoL I know this is totally off topic but I had to
    tell someone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...